BICI DA PRO: LA S-WORKS TARMAC SL7 DEL CAMPIONE DEL MONDO REMCO

Uno sguardo ravvicinato alla bici S-WORKS TARMAC SL7 realizzata su misura per il campione del mondo 2022 REMCO EVENEPOEL

Testo originale: RICHARD WINDSOR

Foto di: JAMES STARTT

Le possibilità di ricevere una bici dipinta su misura sembrano essere piuttosto basse al giorno d’oggi. Ma se c'è qualcuno che merita di sfoggiare una bici personalizzata è il campione del mondo Remco Evenepoel.

Il campione maschile di quest'anno ha ricevuto dalla sua squadra Soudal - Quick-Step una bicicletta ad hoc da abbinare alla sua maglia iridata, che debutterà alla sua prima gara del 2023, la Vuelta a San Juan in Argentina.

Se siete stati attenti, avrete notato che la costruzione della Specialized S-Works Tarmac SL7 di Evenepoel non è cambiata molto rispetto alla bici dello scorso anno, che abbiamo visto da vicino durante la Vuelta a España. 

Sebbene il nome sia cambiato, la Soudal - Quick-Step non ha apportato alcuna modifica ai fornitori di attrezzature per biciclette, quindi l'assetto di Evenepoel è rimasto per lo più intatto. Sembra che uno dei cambiamenti principali sia rappresentato dai pneumatici, che passano dalle S-Works Turbo RapidAir 2Bliss Ready a quelle che sembrano essere delle Specialized Turbo Cotton, forse solo perché il rivestimento marrone risalta sul telaio bianco.

Per saperne di più: Le bici del WorldTour nel 2023: Tutto quello che c'è da sapere

Coloro che hanno un occhio di riguardo per la tecnologia avranno di recente notato alcuni nuovi manubri integrati Roval, avvistati per la prima volta sulla bicicletta di Fabio Jakobsen, compagno di squadra di Evenepoel. Il 22enne ha scelto di rimanere con il manubrio Pro Vibe Aero SL fornito da Shimano e montato sull'attacco manubrio SL7. L'unico cambiamento degno di nota è il supporto Garmin personalizzato K-Edge arcobaleno sul davanti, che completa gli altri tocchi arcobaleno presenti sulla bicicletta.

I richiami alla maglia iridata sono sottili sulla bicicletta di Evenepoel. In effetti, vista di profilo, non si direbbe che si tratta di un tributo alla sua vittoria Down Under, se non per la piccola scritta "Legends are built not born" (Leggende si diventa, non si nasce) sul tubo della sella. Non ci sono evidenti strisce arcobaleno sul tubo orizzontale e sul tubo obliquo o sfumature di colori arcobaleno, come abbiamo visto nelle ultime versioni. 

Il cambiamento principale rispetto alla livrea bianca è presente sul retro del tubo della sella, dove i colori arcobaleno vanno dal blu al verde. L'ultimo accenno alla sua vittoria ai Mondiali è un po' più evidente, con una decalcomania sul tubo orizzontale che mostra un piccolo disegno accanto alle parole "campione del mondo", oltre all'anno della sua vittoria inciso in numeri romani.

Evenepoel spera che questa sia la bicicletta che lo porterà alla seconda vittoria in un WorldTour, a soli nove mesi dalla prima, ottenuta in Spagna lo scorso anno. Il suo obiettivo è la vittoria assoluta al Giro d'Italia di maggio, il cui percorso inizia in Argentina. In seguito affronterà un programma di preparazione piuttosto ridotto, correndo l'UAE Tour, la Volta a Catalunya e la Liegi-Bastogne-Liegi.

Date un’occhiata alle specifiche tecniche qui sotto:

Frame: S-Works Tarmac SL7

Groupset: Shimano Dura-Ace R9200

Wheels: Roval’s Rapide SLX II

Tyres: Specialized Turbo Cotton

Handlebars: Pro Vibe Aero SL

Stem: S-Works Tarmac SL7

Bar tape: Supacaz Suave, Black

Computer mount: K-Edge Garmin Specialized Future Mount

Saddle: S-Works Power with Mirror

Bottle cages: Tacx Ciro

Chain catcher: K-Edge Pro chain catcher with power meter magnet