Il più grande velocista al mondo

Il momento in cui è stata fatta la storia nella quinta tappa del Tour de France 2024, quando Mark Cavendish ha conquistato la sua 35esima vittoria di tappa.

Sedici anni fa, un giovane velocista di 23 anni dall'isola di Man si presentò alla più grande corsa ciclistica del mondo e vinse. Fu in quell'arrivo sotto la pioggia all'ottava tappa del Tour de France 2008 che il mondo conobbe il nome di Mark Cavendish. In quel momento, tagliando il traguardo con incredulità e mettendosi le mani sulla testa prima di mostrare il suo caratteristico sorriso sfrontato alla telecamera, iniziò una delle storie più affascinanti del ciclismo.

Da allora, tanto è stato detto e scritto. Cavendish ha vinto così spesso al Tour de France che, per un certo periodo, le sue vittorie erano diventate la norma. Attraverso generazioni di velocisti, il ciclista di Manx è rimasto in testa: il più veloce, il più astuto, il migliore. La logica dice che, con 35 vittorie di tappa e avvicinandosi ai 40 anni, non dovrebbe più vincere. Ma, come ha dimostrato Mark Cavendish, è lui l'unico a decidere quando le vittorie finiscono.

C'erano tanti motivi per cui la favola della 35ª vittoria di tappa sembrava improbabile al Tour di quest'anno: la stagione di Cavendish fino a quel momento lo aveva visto ottenere solo due vittorie in gare minori e, all'inizio del Tour, il 39enne ha rischiato di mancare il taglio del tempo nelle prime tre tappe, lottando contro il caldo soffocante dell'Italia. Nell'arrivo in volata della quinta tappa, ha perso il treno di testa e si è ritrovato a pedalare da solo. Nessuno può essere biasimato per aver smesso di crederci. In alcuni momenti, quel sogno sembrava destinato a svanire. Ma alla fine, l'unica cosa che contava davvero era la fiducia di Cavendish in se stesso. Quando ha tirato la volata e ha trovato quel varco nel gruppo che gli ha permesso di arrivare al traguardo, era solo lui e la sua bicicletta, come è sempre stato. Il modo in cui si è mosso da un lato all'altro della strada, vincendo con un dominio incontrastato, è stato il classico Mark Cavendish. Elegante ma potente, fluido ma determinato, il suo corpo piccolo ma la sua presenza imponente. La storia è stata scritta. La 35ª tappa è stata vinta. E tutti noi ci siamo resi conto che non avremmo mai dovuto dubitare di lui.

"È ovvio che la gente non credeva che potessi vincere un'altra tappa del Tour, e questo perché non sa cosa ci vuole per vincere una tappa del Tour", ha dichiarato Cavendish con realismo dopo la sua vittoria. "Se tutti sapessero cosa si deve fare in una volata, il mio lavoro sarebbe più difficile. Ci saranno sempre persone che cercheranno di portartela via, anche se vinci, quel tizio seduto dietro di te alla tua sinistra cercherà di portarti via qualcosa dalla vittoria di oggi".

Le sue risposte secche e dirette in conferenza stampa sono state esattamente come ci si aspettava. Questo è Cav. Il Missile di Man, il beniamino del pubblico. Un velocista veloce, un chiacchierone ancora più veloce: questo non è cambiato dalla sua prima vittoria di tappa al Tour. Il viaggio ha avuto i suoi alti e bassi e tutti noi l'abbiamo percorso con lui, il che rende tutto così bello.

"Questo significa tutto il mondo per la sfida e la pressione. Un uomo che vince a 39 anni e tutti dicono che le fibre muscolari di prima istanza non esistono più, ma se qualcuno può farlo, è Mark e nessun altro", ha commentato dopo la tappa l'allenatore e amico di Cavendish, Vasilis Anastopoulos. "Tutti parlavano della 35ª vittoria dall'inizio della stagione, quando ha annunciato che avrebbe continuato. Non si può immaginare la pressione. Ma è un grande campione, solo i campioni possono gestire tutto questo". Mark Renshaw, ex compagno di squadra di Cavendish e ora direttore sportivo dell'Astana-Qazaqstan, si è fermato con gli occhi lucidi accanto al pullman della squadra dopo il traguardo, riflettendo sull'incredibile percorso del suo amico.

"È stato un Cavendish puro. Tornare da quella caduta è stato incredibile, ma mi ha sorpreso così tante volte che non ho mai dubitato di lui. Abbiamo passato ore a lavorare sugli allenamenti e la squadra non ha mai avuto dubbi", ha dichiarato il 41enne. "Ci è voluta molta preparazione e la squadra ha investito molto, ingaggiando nuovi corridori e facendo grandi cambiamenti. Gli ultimi 100 metri di oggi erano il Cavendish del 2009, 2010 e 2011. Quella mossa a sinistra è stata di classe. Sono orgoglioso dei ragazzi. Abbiamo messo tanto impegno, non era solo un progetto secondario. Vino [Alexandre Vinokourov, team manager dell'Astana-Qazaqstan] ha detto nelle interviste che voleva fare la storia".

La portata di ciò che Cavendish ha realizzato oggi al Tour de France è stata percepita da tutto il gruppo. Ex compagni di squadra hanno parlato della sua etica del lavoro, della sua perseveranza e della sua motivazione: il corridore di Manx li ha ispirati tutti in qualche modo.

"È stato incredibile sentirlo alla radio. Non avevo idea di cosa stesse succedendo perché eravamo lontani, ma sono molto contento per lui. È quello che si merita, è il più grande velocista di sempre. Non dover più condividere il record e tenerlo per sé è un bene, sono molto contento per lui", ha detto Geraint Thomas della Ineos Grenadiers dopo la tappa.

Anche i rivali di Cavendish, che aveva appena superato in volata verso Saint Vulbas, hanno riconosciuto la portata dell'evento.

"Sono stato suo compagno di squadra in passato, è un modello per me e per molti. È il miglior velocista di tutti i tempi e oggi ha dimostrato perché. Alla sua età, ha ancora quella perseveranza e quell'impegno, ha dato il massimo. Ha avuto ciò che meritava", ha detto sorridendo Fabio Jakobsen del Team dsm-firmenich-PostNL.

Anche coloro che hanno avuto alti e bassi con il velocista di Manx sono riusciti a guardare oltre. Patrick Lefevere, capo del team Soudal-Quick-Step, era raggiante accanto al pullman della sua squadra dopo aver visto Cavendish sprintare verso la vittoria. Il corridore dell'Astana non indosserà più la maglia della squadra belga, ma oggi sembrava che tutti facessero il tifo per lui.

"Eravamo sul pullman e tutti urlavano come se fosse uno dei nostri corridori. Quando abbiamo visto Mark vincere, il pullman è impazzito. Sono orgoglioso e felice per lui. Penso che tutti noi abbiamo fatto parte della sua storia", ha detto Lefevere". Ai miei occhi, quando ha vinto quattro tappe nel 2021, ho pensato che avrebbe dovuto salutarci, ma non l'ha fatto. Mi sbagliavo".

La frase che si ripeteva al traguardo della tappa odierna era che Mark Cavendish è ora, ufficialmente, il più grande velocista di tutti i tempi. Tutti coloro che erano presenti oggi hanno avuto il privilegio di vivere un momento storico. Non ci sarà mai un altro come lui. Il record resterà in piedi per gli anni a venire. Al Tour de France, Mark Cavendish è un gigante tra gli uomini, ma allo stesso tempo è ancora solo Cav. Il corridore che non smette di giocare con l'assetto della sua bicicletta, che non ha paura di dire qualche parolaccia ai giornalisti, che ci mette il cuore, che vi piaccia o no. L'eroe amabile e crudo del ciclismo. E il migliore che ci sia mai stato.

Foto di copertina: James Startt

Results powered by FirstCycling.com

Shop now